BE UNIQUE. BE PRAMA

Impianto Prama RF in sito premolare post-estrattivo: tre diversi approcci per lo stesso risultato

Cabanes Gumbau G., Alapont Asensio V.

Scarica il pdf del caso
(.pdf - 2 MB)

Cabanes Gumbau G.

Laureato in Odontoiatria. Specialista universitario in implantoprotesi presso la U.I.B.. Membro della Sociedad Española de Implantes. Professore del Master di Implantología Bucal, Universitá di Valencia.

Alapont Asensio V.

Impianto Prama RF post-estrattivo in sito 2.4, con carico immediato e corona in resina realizzata precedentemente in laboratorio per conformare i tessuti dopo la chirurgia

Paziente donna di 32 anni, con anamnesi medica priva di precedenti rilevanti. Si pianifica una procedura di avulsione del residuo radicolare dell’elemento 2.4, con inserimento immediato di un impianto post-estrattivo a carico immediato. Nella stessa fase chirurgica viene inserito in posizione 2.6 anche un impianto narrow Outlink2 Slim.

Impianto Prama post-estrattivo immediato in sito 1.4, con carico immediato e corona in composito realizzata intraoralmente utilizzando una guida preformata in acetato

Paziente donna di 40 anni, senza precedenti medici di rilievo, giunge alla clinica con frattura radicolare dell’elemento 1.4 e l’esigenza di riabilitarlo nella maniera più veloce, naturale ed estetica possibile.

Impianto Prama RF in sito 1.4 con carico immediato e corona realizzata attraverso il riadattamento della corona metallo-ceramica del dente estratto

Paziente uomo di 60 anni, senza precedenti medici di rilievo, giunge alla clinica con frattura radicolare dell’elemento 1.4 che supportava una corona in metallo-ceramica. Il paziente esprime l’esigenza di una riabilitazione veloce, naturale e più estetica possibile.

“La versatilità che mi offre l’impianto Prama RF, permettendomi di gestire la protesi sulla sua ampia porzione coronale convergente di 2.8 mm e senza la restrizione di dover limitare la chiusura su margini predefiniti, mi facilita notevolmente la procedura clinica di definizione dell’emergenza protesica, con morfologia e profondità studiate ad hoc per ogni caso clinico in funzione della profondità di inserimento dell’impianto e della situazione dei tessuti mucosi al momento della riabilitazione.”

Dott. Guillermo Cabanes Gumbau
Keywords
Convergenza, implantologia, B.O.P.T., tessuti molli, carico immediato, protesi, estetica, rigenerazione ossea, osteointegrazione, UTM, ampiezza biologica, post-estrattivi