BE UNIQUE. BE PRAMA

Prama RF e riabilitazione flapless di elemento premolare

Di Domenico A., Apicella M., Diletto A.

Scarica il pdf del caso
(.pdf - 527 KB)

Di Domenico A.

Laureato in Odontoiatria e Protesi Dentale presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. Libero professionista in Cava De’ Tirreni, Salerno.

Apicella M.

Diletto A.

La paziente si presenta all’osservazione clinica con la richiesta di ripristinare l’elemento 1.4 e migliorare l’aspetto dei tessuti atrofici vestibolari. È straniera e resterà in Italia per un breve periodo, per cui chiede un intervento che abbia un approccio non invasivo e che si risolva nel minor numero di sedute possibile. Presa visione dell’esame CBCT ed eseguito il sondaggio, si decide di procedere con l’inserimento dell’impianto intramucoso Prama con tecnica flapless, al fine di gestire i dislivelli ossei crestali con il collo implantare, utilizzando una membrana OSSIX™ Volumax come mantenitore di spazio per l’incremento vestibolare dei tessuti molli. Viene realizzato un provvisorio chairside a carico immediato con lo scopo di condizionare i tessuti già nelle prime fasi della guarigione. La volumetria della bozza vestibolare viene modellata inserendo una membrana in collagene crosslinkato in una incisione a busta, in modo da ottenere un’estetica naturale.
“La possibilità di eseguire una chirurgia flapless minimamente invasiva, ripristinando i livelli ossei crestali grazie alla conformazione convergente del collo, è un’opzione che solo con Prama avrei potuto approcciare.”

Dott. Andrea D. Di Domenico
Keywords
Convergenza, implantologia, B.O.P.T., tessuti molli, carico immediato, chirurgia guidata, protesi, estetica, rigenerazione ossea, osteointegrazione, innesto, CAD-CAM, UTM, ampiezza biologica